Santana Church. Dettagli dell'altare principale

Statua di Santa Ana nel giorno del suo più grande festival

Statua di Santa Ana nel giorno del suo più grande festival

Santa Ana Central Retable

Santa Ana Central Retable

Grande pala d'altare di Santa Ana

Santa Ana
Data di costruzione: da 1.638 a 1.643
Autore: Llorente Manrique
Costo: 5.436 reale
Oro dell'altare: 1.731
Autore: Juan Forte
Costo: 7.638
Imagineering. Immagine di Santa Ana: 1.594
Autore: Antonio de Cárraga
Costo: ducati 332
Immagine di San Joaquin: s. XVII
Autore: Potrebbe essere Fernando de Ezpeleta
Immagini della Vergine e di San Giovanni: 1.657
Autore: Scultore Sebastián Ribero
Costo reale 550

Questa pala regale e magnifico dalla metà del s.XVII è uno dei gioielli più preziosi, della parrocchia. Essa mostra come pure alcune belle sculture, una collezione di importanti dipinti sulla vita di Santa Ana. Presiede la Pala un Camarín artistico che ospita l'imponente mole e attraente della scultura della patrona di enorme contenuto emotivo per cerveranos. L'armoniosa architettura di questa bellissima pala d'altare è composta da quattro corpi: Banca, Primo piano, Secondo piano, Attico e Cinque strade.
.- Il corpo basso o vano è composto da due supporti robusti e artistici e quattro piccole colonne. A questi sono attaccate quattro tele raffiguranti i Quattro Evangelisti e quattro altre figure di dipinti ai lati di personaggi biblici femminili di Santa, tutti di grande stile.
.- Negli incroci ci sono quattro magnifici dipinti: La preghiera nel giardino, La flagellazione, L'Ecce Homo (Cristo prima di Pilato) e il Calvario. Queste quattro tele si differenziano per il loro stile pittorico dal resto della pala d'altare e potrebbero essere attribuite, secondo alcuni esperti d'arte, a Marco Remón, pittore.
.- Al centro si trova il Tabernacolo, di stile moderno in marmo bianco, prodotto dall'orafo D. Gil Moreno, al quale dobbiamo anche la Custodia, l'Altare e l'Espositore del Sacro Ospedale. Questo Tabernacolo, sostituisce da 1926 al vecchio, che è ancora conservato nella Sala Parrocchiale.
.- Nel corpo centrale, sei eleganti colonne torniti misti nella città di Tarazona, migliorare l'attrattiva di dipinti 4 di grande qualità e dimensioni: La nascita del maestro Vergine Martin Gonzalez, tenutosi a 1.644, La Presentazione della Vergine, San Pedro e San Pablo, questi ultimi tre di Miguel Ángel Rafael negli anni 1.650 e 1.651.

San Gil Abad e The Encounter of San Joaquín e Santa Ana

San Gil Abad e The Encounter of San Joaquín e Santa Ana

La presentazione della Vergine e di San Paolo

La presentazione della Vergine e di San Paolo

San Pietro e la Natività della Vergine

San Pietro e la Natività della Vergine

Il fidanzamento di San Giuseppe e Sant'Anna e San Giacomo

Il fidanzamento di San Giuseppe e Sant'Anna e San Giacomo



.- In fondo a questi dipinti e incorniciati in tanti piccoli cartigli ci sono quattro tessuti che sono: Il Martirio di San Pietro e l'Annunciazione a destra e Il Martirio di San Paolo e la Visitazione a sinistra. Tutti molto attraenti e appartenenti anche a Miguel Ángel Rafael

.-Al centro della pala d'altare, la bella spogliatoio, opera di D. Luis Menchon nel suo laboratorio a Pamplona nell'anno 1.946, in commemorazione del quarto centenario della fondazione della parrocchia, regolando perfettamente al complesso architettonico del retablo: arco a tutto sesto e spaziosa camera con un bel soffitto a cassettoni e ornamenti eleganti che ospita la patrona venerato e amato, un gruppo scultoreo sublime e incantevole bellezza: Santa Ana, la Vergine col Bambino Gesù. Questo lavoro è stato pagato dai parrocchiani e dai santaneros assenti dalla parrocchia con grande affetto.
.- Tra il primo corpo e il secondo piano, troviamo un cornicione decorato artistico e regale, su di esso ci sono quattro supporti vigorosi e artistici e due piccole colonne, siamo nella parte inferiore del secondo piano, decorato con cinque tessuti dipinti da Miguel Ángel Rafael. I temi sono: al centro un'immagine dei patroni della Diocesi, San Emeterio e San Celedonio. A destra San Ambrosio e San León Magno, Papa, a sinistra San Agustín e San Jerónimo.

.-Sei altre magnifiche colonne simili a quelle del primo piano ma differenziate solo dalla rotazione, si basano sui supporti e sulle due colonnine descritte, che compongono la parte superiore del corpo e il secondo piano. Nelle sue strade puoi ammirare quattro sensazionali fotografie incorniciate, come quelle del primo piano, in bellissimi manifesti. Si ritiene che siano anche opere di Miguel Ángel Rafael, realizzato in 1.650 con una bella fattura. Questi sono L'incontro di San Joaquín e Santa Ana, Le nozze di San Giuseppe e la Beata Vergine, San Gil Abad e San Giacomo.

.- Nel centro apprezziamo l'immagine di S. Joaquin del XVII secolo di autore anonimo. Una scultura di grande valore artistico, a grandezza naturale, con un viso severo e paterno, un abbigliamento abbondante, la cappa sulla mano sinistra e un bastone sulla destra nell'atteggiamento del camminare. Si trova su una base fine ed elegante che occupa una bella nicchia in un arco semicircolare fiancheggiato da due sottili colonne che compongono un bellissimo set. Vediamo anche una bella e regale cornice decorata, con le stesse caratteristiche di quella del corpo centrale che la completa.

Corpo centrale con dipinti e colonne
.- Nella soffitta che presiede a tutto, la grande immagine di Cristo sulla Croce, impressionante, a grandezza naturale e buon studio anatomico. Forse e secondo l'opinione degli intenditori d'arte, è uno dei più pregevoli intagli artistici che esistono nella Parrocchia e molto simile al Santo Cristo di Consuelo che è venerato nella nostra Chiesa. Questo lavoro è attribuito a Fernando de Ezpeleta.

.- Ai piedi del Santo Cristo, le incisioni artistiche della Vergine Addolorata e San Juan, opera dello scultore D. Sebastián de Ribero della metà del XVII secolo. Questo calvario monumentale e pio è incorniciato tra due colonne eleganti e snelle differenziate dal resto della pala d'altare in svolta, ma mantenendo lo stile e la bellezza di esso. Come sfondo, un'immagine di buone dimensioni con il Sole e la Luna. A destra ea sinistra del Calvario, troviamo due eleganti cartigli in cui sono collocati alcuni tessuti rappresentanti due soldati. Quattro colonne su altri tanti sostegni regali adornano con grande piacere la Pala d'altare.
.- Nel centro e come incoronazione della detta pala d'altare, una cornice artistica ed elegante in una piramide, di sublime bellezza, che ospita un delicato dipinto che rappresenta lo Spirito Santo nella forma di una colomba. Tre piccole e divertenti colonne con le stesse caratteristiche delle precedenti, completano la Pala di Santa Ana.
Armonia e arte si combinano mirabilmente nella sua composizione. È impressionante per la sua monumentalità, il suo alto gusto, la sua magnifica inquadratura e il suo grande stile artistico. \ R \ nSe la pala d'altare è di grande pregio, le sue belle immagini e le meravigliose pitture in cui è visto e apprezzato arte sublime degli artisti Antonio Cárraga, scultore, Sebastián de Ribero e Fernando Ezpeleta e i magnifici pittori Marco Remon, Martín González e Miguel Ángel Rafael.
Negli anni 1.983 e 1.984, l'allora parroco di Santa Ana, D. Domingo Lázaro, in collaborazione con il Board of Economy, intrapresero il costoso restauro dei dipinti di Altarpiece. L'insegnante d'arte D. Manuel Casas era il responsabile di questo lavoro. Il lavoro è stato paralizzato per alcuni anni e in 1990, il parroco D. Félix Viguera ha riaperto il restauro dei dipinti mancanti di 15 e questo restauro è stato commissionato alla stessa persona.
ARTE DIGITAL

ARTE DIGITAL

Dinámicas infograficas y paisajes digitales
e il

&

BLOG

BLOG

Reflexiones, Cuerpo y Arte en la Era Digital
e il

&

VIAGGIO E RAPPORTI

VIAGGIO E RAPPORTI

Fotografie personali di viaggi diversi nel tempo
GTranslate Your license is inactive or expired, please subscribe again!